Ultime Notizie

giovedì 31 luglio 2008

Dai il meglio di te


Se fai il bene, ti attribuiranno

secondi fini egoistici

non importa, fà il bene.

Se realizzi i tuoi obiettivi,

troverai falsi amici e veri nemici,

non importa realizzali.

Il bene che fai verrà domani

dimenticato.

Non importa fà il bene.

L'onestà e la sincerità ti

rendono vulnerabile

non importa, sii franco

e onesto.

Dà al mondo il meglio di te, e ti

prenderanno a calci.

Non importa, dà il meglio di te.

mercoledì 30 luglio 2008

AMICIZIA

In seguito a tante delusioni...in questi ultimi anni avevo sottovalutato l'amicizia...mai come in questo periodo...ho scoperto quanto sia importante...

A tutte le persone che passeranno per il blog:

" MANTIENI LO STUPORE VERSO TUTTO CIO' CHE TI CIRCONDA E CERCA SEMPRE IL SIGNIFICATO PROFONDO DELLA REALTA'. SE FARAI LE COSE CON TUTTO IL CUORE E TUTTA LA PASSIONE LE PORTE TI SI APRIRANNO E L'UNIVERSO INIZIERA' A TREMARE INTORNO A TE!!!!" G. ALLEVI

A TE...

Dedico questa dolcissima canzone di Jovanotti a tutte le persone innamorate...e al mio grande e dolce amore...Sostanza dei giorni miei...sostanza dei sogni miei...

Signore,..benedici le mie mani...


Signore, benedici le mie mani,

perchè le possa aprire

per scoprire i talenti che mi hai donato

e perchè sappiano stringere altre mani

e dare senza calcolo.


Signore, rafforza i miei piedi,

così che sappia vincere la noia e l'apatia

e sappia affrontare tutte le paure,

così da poter serenamente camminare

con gli altri sul sentiero della vita.


Signore, tocca la mia bocca,

perchè non dica niente che

possa ferire o distruggere,

perchè sappia infondere ottimismo con il sorriso,

e pronunci solo parole sincere.


Signore, purifica i miei occhi ,

perchè possa scorgere i miei difetti

per affrontarli,

vedere con chiarezza tutte le mie capacità

per valorizzarle

e guardare gli altri al di là delle aparenze.


Signore, pulisci le mie orecchie,

perchèdiventano sorde

di messaggi inutili

ma siano attente ai consigli

di chi mi vuole bene,

sappiano ascoltare le parole degli amici

e, soprattutto, udire la TUA voce

che sempre mi parla.


Fà o Signore, che io possa disporre di me,

con tutto ciò che ho e che sono!

martedì 29 luglio 2008

Ti auguro di vivere


TI AUGURO DI VIVERE

è una splendida poesia di Jean Debrynne la dedico a VOI...a voi che avete capito che solo donandosi senza riserva si può vivere nei comandamenti di DIO...e quindi nella sua GRAZIA!


Ti auguro di vivere

senza lasciarti comprare dal denaro.

Ti auguro di vivere

senza marca, senza etichetta,

senza distinzione

senza altro nome

che quello di UOMO.

Ti auguro di vivere

senza rendere nessuno tua vittima.

Ti auguro di vivere

senza sospettare o condannare,

nemmeno a fior di labbra.

Ti auguro di vivere

in un mondo dove ognuno abbia

il diritto di diventare TUO FRATELLO

e FARSI TUO PROSSIMO.

Rassegnazione...???


"GUAI A COLUI CHE CONTESTA IL TUO CREATORE" Isaia 45:9


Queste parole del profeta Isaia vogliono essere un invito rivolto a tutti noi a restare tranquillamente al nostro posto di creature davanti al Creatore.

Isaia puntò il dito su un problema che ci tocca tutti da vicino. Chi di noi, infatti, può vantarsi di non aver mai pensato, di fronte a certi fatti della vita, che se si fosse trovato al posto di Dio avrebbe fatto le cose diversamente?

Come possiamo pretendere di sapere meglio del Signore come vanno gestite le cose?

Ma allora la nostra posizione deve dunque essere rassegnazione passiva agli eventi???

No, ma piuttosto accettazione consapevole, consapevole del fatto che Dio ci ama e fa sempre ogni COSA PER IL NOSTRO BENE!!!


lunedì 28 luglio 2008

Diciamo STOP alla PEDOFILIA




Voglio cominciare la settimana con un dolce pensiero: I BAMBINI!!!

Io l'adoro...sono i miei occhi...la mia speranza...

Insegno da 21 anni nella scuola elementare...e lo faccio dedicandomi con tutto il mio cuore perchè i bambini sono la mia forza...sono le creature più pure che io abbia mai conosciuto...

Per questo motivo sento di contribuire alla campagna contro i pedofili...

RICORDATEVI:

Tutti i bambini hanno il diritto di essere felici...di giocare...di correre...di divertirsi...

Se ad un bambino viene fatto un abuso di violenza...non dimenticherà mai la violenza subita...e tu gli avrai arrecato danni psicologici...fisici...mentali...avrai rovinato un dono meraviglioso...l'innocenza.

NON ROVINATE LA VITA DEI BAMBINI...

domenica 27 luglio 2008

E crescendo impari...


E crescendo impari che la felicità non è quella delle grandi cose.

Non è quella che si insegue a vent'anni, quando, come gladiatori

si combatte il mondo per uscirne vittoriosi...

La felicità non è quella che affannosamente si insegue credendo

che l'amore sia tutto o niente,...

non è quella delle emozioni forti che fanno il "botto" e che esplodono

fuori con tuoni spettacolari...,

la felicità non è quella dei grattacieli da scalare, di sfide da vincere

mettendosi continuamente alla prova.

Crescendo impari che la felicità è fatta di cose piccole ma preziose...

...e impari che il profumo del caffè al mattino è un piccolo rituale di felicità,

che bastano le note di una canzone, le sensazioni di un libro dai colori che

scaldano il cuore, che bastano gli aromi di una cucina, la poesia

dei pittori della felicità, che basta il muso del tuo gatto o del tuo

cane per sentire una felicità lieve.

E impari che la felicità è fatta di emozioni in punta di piedi, di piccole

esplosioni che in sordina allargano il cuore, che le stelle ti possono

commuovere e il sole far brillare gli occhi,

e impari che un campo di girasoli sa illuminarti il volto, che il profumo

della primavera ti sveglia dall'inverno, e che sederti a leggere all'ombra di

un albero rilassa e libera i pensieri.

E impari che l'amore è fatto di sensazioni delicate, di piccole scintille allo

stomaco, di presenze vicine anche se lontane, e impari che il tempo si

dilata e che quei 5 minuti sono preziosi e lunghi più di tante ore,

e impari che basta chiudere gli occhi, accendere i sensi, sfornellare in cucina,

leggere una poesia, scrivere su un libro o guardare una foto per annullare il tempo

e le distanze ed essere con chi ami.

E impari che sentire una voce al telefono, ricevere un messaggio inaspettato, sono piccoli

attimi felici.

E impari ad avere, nel cassetto e nel cuore, sogni piccoli ma preziosi.
E impari che tenere in braccio un bimbo è una deliziosa felicità.
E impari che i regali più grandi sono quelli che parlano
delle persone che ami...
E impari che c'è felicità anche in quella urgenza su un foglio
i tuoi pensieri, che c'è qualcosa di amaramente felice anche nella
malinconia.
E impari che nonostante le tue difese, nonostante il tuo volere o il
tuo destino
in ogni gabbiano che vola c'è nel cuore un piccolo -grande jonathan Livingston.

E impari quanto sia bella e grandiosa la SEMPLICITA'.

La carota, l'uovo ed il caffè


Una ragazza si lamentava continuamente con suo padre per le difficoltà che incontrava nella vita.

Gli confessò che stava per darsi per vinta perchè non sapeva più come reagire quando s'mbatteva in un problema. Era stanca di lottare, le sembrava che, dopo aver risolto un problema, ne spuntasse subito un altro.

Suo padre, che era cuoco, non sapendo cosa consigliarle, ebbe un'idea. Il giorno dopo la portò a lavoro con sè.

Nella gran cucina dove l'uomo lavorava, riempiì tre pentole d'acqua e le collocò sul fuoco con una bella fiamma. Presto l 'acqua nelle tre pentole cominciò a bollire. Allora, l'uomo, in una mise delle carote, in un'altra delle uova, e nella terza dei chicchi di caffè. Lasciò bollire le tre pentole per circa venti minuti, dopodichè spense il fuoco. Chiese alla figlia di tirare fuori delle pentole i tre alimenti, e la ragazza lo fece. Prima tirò fuori dall'acqua le carote, poi le uova, e infine il caffè.

A quel punto suo padre le chiese:

"Tesoro, cosa vedi?".

La ragazza rispose:

"Vedo delle carote, delle uova e dei chichi di caffè". Allora le dissi di avvicinarsi di più, poi le chiese:

"Cosa noti?"


La ragazza toccò le carote, e notò che erano diventate molli; aprì l'uovo, e vide che si era indurito; toccò il caffè, e notò che, anche se era rimasto lo stesso, però aveva trasformato il colore dell'acqua, e in più aveva sparso il suo piacevole aroma nell'aria.

Il padre allora le spiegò che, benchè i tre elementi avessero affrontato la stessa "avversità", rappresentata in qul caso dall'acqua bollente, tuttavia avevano reagito in maniera differente l'uno dall'altro. Allora chiese alla figlia:

"E tu, a chi ti paragoni quando l'avversità bussa alla tua porta? Sei come la carota che sembra forte, ma nell'avversità e nel dolore diventa debole e perde la sua forza?

O sei come l'uovo che comincia con un cuore malleabile, uno spirito fluido, ma dopo il dolore di una morte, o di un qualsiasi grave problema diventa duro?

Oppure sei come un chicco di caffè che, proprio quando viene immerso nell'elemento che gli causa dolore, e quando arriva al punto di ebollizione, restando se stesso, emana tutto il suo buon aroma?"



SE IL DOLORE RIESCE A FARCI RIMANERE SALDI, FACENDOCI TIRARE FUORI IL MEGLIO DI NOI, ALLORA SIAMO BENEDETTI DA DIO.


"Signore, aiutaci ad uscire dalle difficoltà". Salmo 108:12

venerdì 25 luglio 2008

Vivere e'...



Voglio ringraziarti Signore,
per il dono della vita;
Ho letto da qualche parte
Che gli uomini hanno un’ala
Soltanto:
possono volare soltanto rimanendo
abbracciati.
A volte nei momenti di
Confidenza,
oso pensare,Signore,
che tu abbia un’ala soltanto,
l’altra la tieni nascosta,
forse per farmi capire
che tu non vuoi volare senza di me;
per questo mi hai dato la vita;
Perché io fossi tuo compagno di volo,
insegnami, allora, a librarmi con
te.
Perché vivere non è trascinare la
Vita,
non è strapparla, non è
rosicchiarla,
vivere è abbandonarsi come un gabbiano
all’ebbrezza del vento,
vivere è assaporare l’avventura della libertà,
vivere è stendere l’ala, l’unica ala,
con la fiducia di chi sa di avere nel
volo
un patner grande come
te, Signore,
tu mi hai dato il compito
di abbracciare anche il fratello
e aiutarlo a volare.
Ti chiedo perdono perciò,
per tutte le ali che non ho aiutato
a distendersi, non farmi più passare indifferente
vicino al fratello che è rimasto con
l’ala, l’unica ala,
inesorabilmente impigliata nella,
rete della miseria e della
solitudine
e si è ormai persuaso
di non essere degno di volare con Te.
Soprattutto per questo fratello dammi,
o Signore un’ala di riserva.




giovedì 24 luglio 2008

Nulla di me, TUTTO DI TE!


GESU' GLI DISSE:

MI AMI?

Giov. 21:16


Ecco come il poeta francese Teodoro Monet ha risposto con tanta onestà a questa domanda.


OH, CHE VERGOGNA E DOLORE IN QUELL'OCCASIONE...

quando con grande orgoglio gli dissi:

"Tutto di me, nulla di Te".


Ma Egli mi incontrò e io Lo vidi

Sanguinante sull'orribile croce,

E con un sussurro gli dissi:

"Un pò di me , un pò di Te".


Il Suo immenso amore, La Sua cura,

Non potrei meritarli

E con umiltà gli confesso:

"MENO DI ME, PIU' DI TE"

Più alto ,del più alto cielo,

Più profondo del più profondo mare,

Dio, il Tuo amore mi ha conquistato:


"NULLA DI ME, TUTTO DI TE!"

mercoledì 23 luglio 2008

La meditazione


La nostra paura più profonda

non è di essere inadeguati.

La nostra paura più profonda,

è di essere potenti ogni limite.

E' la nostra luce, non la nostra ombra,

a spaventarci di più.

Ci domandiamo:"Chi sono io per essere brillante, pieno di talento,

favoloso?"

In realtà chi sei tu per NON esserlo?

Siamo figli di DIO.

Il nostro giocare in piccolo,

non serve al mondo.


Non c'è nulla di illuminato

nello sminuire se stessi cosicchè gli altri

non si sentano insicuri intorno a noi.

Siamo tutti nati per risplendere,

come fanno i bambini.

Siamo nati per rendere manifesta

la gloria di DIO che è dentro di noi.

Non solo in alcuni di noi:

è in ognuno di noi.

E quando permettimo alla nostra luce

di risplendere, inconsapevolmente

diamo

agli altri la possibilità di fare lo stesso.

E quando ci liberiamo dalle nostre

paure,

la nostra presenza

atomaticamente libera gli altri.


Nelson Mandela

Sorridi...


SORRIDI...
la vita è come una siepe fiorita
in una foresta di solitudine
dove le foglie sono speranza
i fiori sono sogni
le spine i giorni tristi della vita.
SORRIDI...
perchè le spine una alla volta cadranno
e la siepe fiorirà ancora a primavera!!!!

martedì 22 luglio 2008

Amore ed Amicizia

...nella solitudine, nella malattia,nella confusione, la semplice conoscenza dell'amiciza rende possibile resistere,anche se l'amico non ha il potere di aiutarci.
E' sufficiente che esista.
L'amicizia non è diminuita dalla distanza o dal tempo, dalla sofferenza o dal silenzio.
E' in queste cose che essa mette più profonde radici.
E' da queste cose che essa fiorisce.

lunedì 21 luglio 2008

Partire


Partire è uscire da sè.

Partire è smettere di girare attorno a noi,

come se fossimo al centro del mondo.

Partire è non lasciarsi chiudere

dal piccolo mondo cui apparteniamo:

l'umanità è più grande, è essa che dobbiamo servire.

Partire è aprirci agli altri, scoprirli, farci loro incontro,

aprirci alle idee, anche a quelle diverse,

avere il fiato di un buon camminatore.

Felice chi comprende e vive questo pensiero:

"Se non sei d'accordo con me, tu mi fai più ricco."

Un buon camminatore sa che il grande viaggio

è quello della vita.

Beato chi si sente eternamente in viaggio

e in ogni prossimo vede un compagno desiderato.

Un buon camminatore si preoccupa dei compagni

stanchi.

Li prende dove li trova.

Li ascolta con amore, ridà loro coraggio per il

cammino.

Andare avanti solo per andare avanti non è vero

camminare.

Camminare è andare verso qualche cosa;

è prevedere l'arrivo.

Partire è mettersi in marcia

e aiutare gli altri a cominciare la stessa marcia

per costruire un mondo più giusto e umano.

Basta poco...


Ieri sera sono stata a chiacchierare con due amiche meravigliose. Avevo il cuore pieno di tristezza...di angoscia...ma dopo un pò riuscivo a vedere le cose in una maniera diversa.

Un bacio grande ad Annamaria e a Franca!!!

domenica 20 luglio 2008

DESIDERATA


Và serenamente in mezzo al rumore e alla fretta

e ricorda quanta pace ci può essere nel silenzio.


Finchè è possibile senza doverti arrendere conserva

i buoni rapporti con tutti.


Dì la tua verità con calma e charezza, e ascolta gli altri,

anche il noioso e l'ignorante, anch'essi hanno una loro storia da raccontare.

Evita le persone prepotenti e aggressive, esse sono un tormento per lo spirito.


Se ti paragoni agli altri, puoi diventare vanitoso e aspro,

perchè sempre ci saranno persone superiori ed inferiori a te.


Rallegrati dei tuoi risultati come dei tuoi progetti.

Mantieni interessato alla tua professione, benchè umile;

è un vero tesoro rispetto alle vicende mutevoli del tempo.


Sii prudente nei tuoi affari, poichè il mondo è pieno di inganno.

Ma questo non ti impedisca di vedere quanto c'è di buono;

molte persone lottano per alti ideali, e dappertutto la vita è piena di eroismo.


Sii te stesso. Specialmente non fingere di amare.

E non essere cinico riguardo all'amore,

perchè a dispetto di ogni aridità e disillusione esso è perenne come l'erba.


Accetta di buon grado l'insegnamento degli anni,

abbandonando riconoscente le cose della giovinezza.


Coltiva la forza d'animo per difenderti dall'improvvisa sfortuna.

Manon angosciarti con fantasie.


Molte paure nascono dalla stanchezza e dalla solitudine.

Al di là di ogni salutare disciplina, sii delicato con te stesso.


Tu sei un figlio dell'universo, non meno degli alberi e delle stelle;

tu hai un preciso diritto ad essere qui.

E che ti sia chiaro o no, senza dubbio l'universo va schiudendosi come dovrebbe.


Perciò sta in pace con DIO, comunque tu Lo concepisca,

e qua lunque siano i tuoi travagli e le tue aspirazioni,

nella rumorosa confusione della vita conserva la tua pace con la tua anima.


Nonostante tutta la sua falsità, il duro lavoro e i sgni infranti,

questo è ancora un mondo meraviglioso. Sii prudente.


FA DI TUTTO PER ESSERE FELICE!!!



Questo testo bellissimo viene quasi sempre presentato come "Manoscritto del 1692 trovato a Baltimora nell'antica chiesa di SAN PAOLO."
Invece nel 1959 il reverendo Frederik Kates rettore della chiesa di St.Paul, a Baltimora, incluse questo pensiero in una raccolta di materiale devozionale.
In cima alla raccolta, c'era l'annotazione "Old St. Paul's Church,Baltimore, A.C.1692", che era l'anno di fondazione della chiesa....da qui l'equivoco.

In realtà l'autore di questi versi è MAX EHRMANN, un poeta di Terre Haute,Indiana, vissuto dal 1872 al 1945.





Tu sei unica e insostituibile


Ti ho conosciuta dopo Agerola,perche' in quel periodo il tuo amato papa' stava male,ti ho conosciuta col tuo viso marcato dalla sofferenza,ma in cui trapelava il tuo sguardo pieno d'amore,ti ho conosciuta cosi' come sei,e ti prego non cambiare mai perche' persone vere ,persone sensibili persone come te ai giorni nostri e' difficile trovarne.Resta sempre cosi' come sei.Annamaria

mercoledì 16 luglio 2008

Il mio grande "BABBINO"


A te che sei diventato un ANGELO!!!

Sei stato un uomo esemplare,

un padre premuroso, paziente, affettuoso...

sei stato il mio grande "Babbino".

Non ci hai fatto mai mancare niente.

Sei stato un marito fedele, amorevole, comprensivo.

L'onestà e la semplicità sono stati i tuoi ideali.

Il lavoro è stato lo scopo principale della tua vita.

Ci hai lasciato un gran vuoto andandotene...mi manchi...

mi manca essere chiamata "Donna Lina"...mi manca essere detto: "Lina a papà"!!!
Mi manca sentirti suonare al pianoforte!!!

TI VOGLIO BENE...sarai sempre il mio "Babbino"!!!
La tua forza, la tua dignità, il tuo silenzio,

le tue passioni...sono dentro di me...spenderanno sempre nel mio cuore

come una stella in una notte buia!!!!

I bambini imparano ciò che vivono


I bambini imparano ciò che vivono.
Se un bambino vive nella critica impara a condannare.
Se u bambino vive nell'ostilità impara ad aggredire.
Se un bambino vive nell'ironia impara ad essere timido.
Se un bambino vive nella vergogna impara a sentirsi colpevole.
Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente.
Se un bambino vive nell'incoraggiamento impara ad avere fiducia.
Se un bambino vive nella lealtà impara la giustizia.
Se un bambino vive nella disponibilità impara ad avere una fede.
Se un bambino vive nell'approvazione impara ad accettarsi.
Se un bambino vive nell'accettazione e nell'amicizia impara a trovare l'amore nel mondo.

Doret's Law Nolte

(Al mio piccolo mai nato)

PREGHIERA


Ti prego:
Non togliermi i pericoli,
ma aiutami ad affrontarli.
Non calmare le mie pene,
ma aiutami a superarle.
Non darmi alleati nella lotta della vita...
eccetto la forza che mi proviene da TE.
Non donarmi salvezza nella paura,
ma pazienza per conquistare
la mia pace e la mia libertà.
Concedimi di non essere un vigliacco
usurpando la tua grazia nel successo;
ma non mi manchi la stretta della tua
mano NEL MIO FALLIMENTO!!!

Rabindranath Tagore


Non sempre capisco i tuoi piani...la tua volontà...
ti affido il mio DOLORE...sappi che umanamente cerco di fare del mio meglio...

ma ho bisogno della TUA SAGGEZZA...
AIUTAMI A CAPIRE!!!

martedì 15 luglio 2008

Gli amici ascoltano

Questa immagine dice:

"Tutti sentono quello che dici,
gli amici ascoltano quello che
dici, i migliori amici ascoltano
quello che tu non dici..."

Questa immagine contiene due concetti fondamentali:
Sentire ed ascoltare non sono effettivamente la stessa cosa...si sente perchè il nostro udito ci permette di udire i suoni che sono intorno a noi, ma solo quando c'è interesse vero, attenzione compartecipazione, si può parlare di ascolto.
I grandi amici poi, riescono spesso a sentire il nostro stato d'animo,ciò che non riusciamo, o non vogliamo esprimere e parole...e quando questo accade non si può fare a meno di ritenerlo un fatto unico e meraviglioso.

lunedì 14 luglio 2008

TU...SEI UNICO ED INSOSTITUIBILE


Se la nota dicesse:

non è una nota che fa la MUSICA

...non ci sarebbero le SINFONIE.


Se la parola dicesse:

non è una parola che può fare una PAGINA

...non ci sarebbero i LIBRI.


Se la pietra dicesse:

non è una pietra che può alzare un MURO

...non ci sarebbero le CASE.


Se la goccia d'acqua, dicesse:

non è una goccia d'acqua che può fare un fiume

...non ci sarebbe l'OCEANO.


Se il chicco di grano dicesse:

non è un chicco di grano che può seminare un CAMPO

...non ci sarebbero le MESSI.


Se l'uomo dicesse:

non è un gesto d'amore che può salvare l'UMANITA'

...non ci sarebbero mai nè GIUSTIZIA,PACE, nè DIGNITA', nè FELICITA' sulla terra degli uomini.


Come la SINFONIA ha bisogno di ogni NOTA...

Come il LIBRO ha bisogno di ogni PAROLA...

Come la CASA ha bisogno di ogni PIETRA...

Come l'OCEANO ha bisogno di ogni goccia d'ACQUA...

Come le MESSI hanno bisogno di ogni chicco...

L'UMANITA' intera ha bisogno di te,

qui dove sei, UNICO e perciò INSOSTITUIBILE.


MICHEL QUOIST
Ognuno di noi può fare con piccoli gesti grandi cose...basta POCO!!!

sabato 12 luglio 2008

Dove stai andando



Solo guardando a Dio la nostra vita ha un senso.
Solo in Lui il nostro cammino ha uno scopo.
Ci sono tanti momenti di angoscia ma solo Dio può darci pace e gioia.

Speranza

"L'Eterno dà forza allo stanco e accresce il vigore a colui che è spossato."

Pensieri...sulla Saggezza


Un vecchio saggio, parlando al nipote, gli disse:

"Col passare degli anni, imparerai la differenza tra "dare una mano" e "soccorrere".

Imparerai che amare non significa appoggiarsi, e che compagnia non significa sempre certezza.

Comincerai ad imparare che i baci non sono dei contratti, nè regali nè promesse.

Comincerai ad accettare le sconfitte a testa alta, con la grazia di un adulto e non con la tristezza di un bambino.

Imparerai a costruire al momento, perchè il terreno del domani è incerto per i progetti, ed il futuro ha l'abitudine di cadere nel vuoto.

Imparerai che se ti esponi troppo al sole, ne rimarrai scottato.

Riuscirai a perdonare le persone che potrebbero ferirti.

Imparerai che il parlare può alleviare i dolori dell'anima.

Scoprirai che ci vogliono anni per conquistarsi la fiducia di qualcuno, ed appena pochi secondi per perderla.

Imparerai che anche tu potresti fare cose delle quali poi potresti pentirti per il resto della vita.

Imparerai che le vere amicizie continuano a crescere nonostante le distanze, e ti renderai conto che puoi passare bei momenti col tuo migliore amico facendo qualunque cosa, o anche niente, solo per il piacere di goderti la sua compagnia.

Scoprirai che molte volte diamo troppo per scontata la presenza delle persone che più ci interssano, non dicendogli abbastanza di amarle, e non rendendoci conto che non possiamo mai essere sicuri di quando sarà l'ultima volta che le rivedremo.

Imparerai che è vero che le circostanze e l'ambiente che ci circonda hanno influenza su di noi, ma che siamo noi gli unici responsabili di quello che facciamo.

Comincerai ad imparare che non dobbiamo paragonarci agli altri, salvo quando vogliamo imitarli per migliorare noi stesi.

Scoprirai che ci vuole molto tempo per poter diventare la persona che vuoi, ma che il tempo è breve.

Imparerai che non importa dove sei arrivato, bensì dove ti stai dirigendo.

Imparerai che gli eroi sono persone che hanno fatto quello che è necessario, affrontando le conseguenze.

Imparerai che la pazienza richiede molta pratica.

Scoprirai che a volte, proprio la persona che ti aspetti che ti prenda a calci quando cadi, sarà una delle poche che ti aiuterà a rialzarti.

Imparerai che in te c'è molto di più dei tuoi genitori di quello che supponevi.

Imparerai che non si deve mai dire ad un bambino che i suoi sogni sono sciocchezze, perchè gli toglieresti la speranza.

Imparerai che quando provi rabbia, ne hai tutto il diritto, ma ciò non ti autorizza ad essere crudele.

Imparerai tante altre cose, perchè c'è sempre da imparare nella vita".

Ma ricordati il principio della saggezza è TEMERE L'ETERNO e CONOSCERE IL SANTO E' L'INTELLIGENZA.

giovedì 10 luglio 2008

Per te

Dedicato a tutte le persone speciali che passeranno per questo blog....

lunedì 7 luglio 2008

Amicizia


"Le amicizie vere sono quelle che si fondono sul sentimento;l'amico non giudica, comprende."
L'amicizia deve essere infinitamente più tollerante dell'amore."
Madame de Gentis


L'amicizia vera nasce nel mondo delle conoscenze infantili e resta per tutta la vita un'esperienza di tipo infantile. Non ho mai conosciuto, neanche più tardi, amicizie compiutamente adulte. Si è veramente amici, anche quando ci si è conosciuti soltanto da grandi, solo se si riesce ad immaginare che con quell'uomo o con qella donna la cosa sarebbe in grado di assumere il sapore e la valenza di un rinnovato incontro fra bambini.
Si è veramente amici insomma, solo con la gente con cui fondamentalmente si sarebbe voluto giocare o con cui effettivamente si gioca (anche quando si discute o si decide di cose che vorrebbero essere mostruosamente serie).
Soltanto questo può rendere la confidenza assoluta, perchè non c'è confidenza assoluta se non tra individui bambini.
L'amicizia infatti è una prova vivente che si pùò prolungare l'infanzia nell'età adulta(possibilità a cui è collegata gran parte della nostra residua possibilità di piacersi e di piacere).
Tra individui veramente adulti solo la diplomazia purtroppo,non l'amicizia, resta la forma più consueta di rapporto e di scambio...!
Alberto Asor Rosa

domenica 6 luglio 2008

Una domenica di luglio


Come dimenticare che non hai più tuo padre.
Era la nostra "colla"...ci teneva uniti.
Da bambini lo seguivano...era il nostro mito!
La sua ironia ci faceva sorridere anche quando la situazione era "la più grave".
Tu pensavi che bastava mangiare quello che ci cucinavi...e la vita era bella.
Tu non ci sei più con noi...sentiamo la tua mancanza...
Eppure io so che che Tu ci guardi...sorridi e piangi con noi...
Sei il nostro Angelo!!!!

sabato 5 luglio 2008

Non vivere su questa terra come un inquilino


Quel giorno cercavamo tra le tue cose.Cercavamo tutto ciò che potesse dirci qualcosa di te, qualcosa che ci era sfuggito.
Dove si erano posati i tuoi occhi prima di chiudersi per sempre.
Dove aveva vagato il tuo pensiero, prima di spegnersi.
Era imbarazzante frugare, ma non eri più lì per impedirlo.
Una poesia tra tutte ci si è stagliata sul cuore, a perenne ricordo della tua presenza.

"NON VIVERE SU QUESTA TERRA COME UN INQUILINO"

Ragazzo mio,
io non ho paura di morire.
Tuttavia, ogni tanto
mentre lavoro, nella solitudine nel cuore
ho un sussulto nel cuore
saziarsi della vita, figlio mio, è impossibile!
Non vivere su questa terra come un inquilino
o come un villeggiante stagionale.
Vivi in questo mondo
come se fosse la casa di tuo padre,
credi al grano al mare alla terra
ma soprattutto all'uomo.
Senti la tristezza
del ramo che si secca
del pianeta che si spegne
dell'animale infermo
ma innanzitutto senti la tristezza dell'uomo.
Che tutti i beni terrestri
ti diano gioia
ma che sopratutto l'uomo
ti dia a piene mani la gioia.

Nazim Hikmet

LENTAMENTE MUORE...



Spesso ci accade di lasciarci sopraffare dall'abitudine, dal senso del dovere, dal ripetersi inesorabile di ogni attività, giorno dopo giorno.
Proprio allora uccidiamo, lentamente, giorno dopo giorno, le nostre emozioni e i nostri sogni,limitandoci quindi a sopravvivere, non a vivere.


Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, il colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero su bianco e i puntini sulle "i"piuttosto che un insieme di emozioni, proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti all'errore e ai sentimenti.

Lentamente muore chi non viaggia,
chi non legge,
chi non ascolta musica,
chi non trova grazia in se stesso.
Muore lentamente
chi distrugge l'amor proprio,
chi non si lascia aiutare;
chi passa i giorni a lamentarsi
della propria sfortuna o
della pioggia incessante.

Lentamente muore
chi abbandona un progetto
prima di iniziarlo,
chi non fa domande
sugli argomenti che non conosce,
chi non risponde
quanto gli chiedono
qualcosa che conosce.
Evitiamo la morte a piccole dosi,
ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo
di gran lunga maggiore
del semplice fatto di respirare.
Soltanto l'ardente pazienza porterà
al raggiungimento
di una splendida felicità.

Plablo Neruda

venerdì 4 luglio 2008

I VERI AMICI




"I veri amici amano condividere i momenti che la vita riserva loro, come le piccole cose dell'esistenza per cui vale la pena di vivere ogni giorno."

Musica...e radio

L'amicizia è un sentimento unico che rende la vita degna di essere vissuta...

L'amicizia è un sentimento unico che rende la vita degna di essere vissuta...
Trova il tempo di essere AMICO...è la strada della felicità...